Benvenuto nel nuovo sito!

Affiliation logo
Home page url

Le ultime novità

Partite

10/04/2024

Under 15 del duo Bono - Villa ai Regionali: trionfo per i giovani calciatori dopo oltre 10 anni, imbattuti e vincenti con tre turni d'anticipo

Sulle maglie celebrative dei ragazzi davanti la scritta "I'm campione (letteralmente "Sono campione") - La bella stagione 2023-24", dietro tutti gli artefici della vittoria. 48 punti, primo posto, a + 8 sul Vinovo sport secondo, con due partite alla fine. Fa ancora eco, appunto, la trionfale annata degli Under 15 Provinciali dei mister Dario Bono e Renato Villa (affiancati dal prezioso supporto dei dirigenti di squadra Fausto Giordano e Gianni Nappi), che, dopo oltre 10 anni, da assoluti imbattuti, hanno ottenuto la qualificazione per il 2024-2025 ai prossimi campionati Regionali.Merito dei fantastici ragazzi che hanno conquistato ufficialmente sul campo la scorsa domenica mattina 7 aprile un matematico successo storico, dopo 12 vittorie consecutive, ultima delle quali il successo sul Garino in trasferta per 2-0, alla terzultima di ritorno. Il possibile risultato era già nell'aria, al punto che tra il pubblico era presente l'intera direzione societaria, il presidente Alessio Russo, il vice Presidente Gianpiero Petronio, il direttore generale Giulio Serratore, quello amministrativo Giuseppe Anzelmo e il responsabile di settore Paolo Biolatto.Dopo il titolo acquisito del girone D la parola a mister Bono, allenatore del CSF 2009 neo-promosso ai Regionali per la prossima stagione, che ha commentato così la vittoriosa cavalcata. “La soddisfazione è massima, sono molto orgoglioso di questo gruppo". Come si sente l’allenatore che ha guidato i suoi ragazzi fino a questo traguardo?"Abbiamo fatto un percorso esaltante, fantastico, molto emozionante. Sono molto orgoglioso di questi ragazzi e dei risultati che abbiamo ottenuto, tutti sono cresciuti e migliorati, sia dal punto di vista atletico, tecnico, sportivo, caratteriale ma soprattutto maturati come uomini". Qual è stata chiave del successo?"E’ stato fondamentale avere una società alle spalle che mi ha sempre dato fiducia: il presidente Alessio Russo insieme al suo vice Gianpiero Petronio, il direttore amministrativo Giuseppe Anzelmo ed in particolare il direttore Generale Giulio Serratore e i responsabili del settore giovanile Paolo Biolatto e Daniele Martinelli costantemente molto presenti e che hanno sempre saputo intervenire al momento giusto e nei modi opportuni.Fondamentali sono stati i collaboratori dello staff dirigenziale in particolare il mister Renato Villa con cui abbiamo coadiuvato insieme la guida della squadra, la sua personalità, il suo carattere, i suoi modi e la grande esperienza sono stati sostanziali per il raggiungimento di questi risultati. E poi ci sono i miei giocatori. Straordinari. Hanno dato tutto, dal punto di vista umano, sportivo e caratteriale. Sarebbe riduttivo e non corretto fare dei nomi, ma voglio complimentarmi soprattutto con i ragazzi che per scelta tecnica hanno trovato meno spazio di altri durante le partite, ma che si sono sempre comportati in modo serio e professionale, sempre presenti agli allenamenti con il massimo dell’impegno. E’ grazie al loro atteggiamento che tutto il gruppo ha potuto migliorare, crescere ed allenarsi con costanza ed intensità per tutta la stagione".Vi aspettavate un questo risultato?"L’obiettivo a settembre era di fare un campionato di alta classifica, alcuni giocatori della stagione precedente non hanno creduto nel progetto e sono andati via, ma sono arrivati altri bravissimi ragazzi ed ottimi giocatori. Inoltre sapevamo di avere nel girone squadre di grande livello: il Vinovo ed il Nichelino a cui vanno fatti i complimenti per il loro campionato, per l’antagonismo e la sportività mostrata in campo e a cui rivolgo un grosso in bocca al lupo per i play-off che li attendono. Ad inizio anno in pochi credevano nelle nostre potenzialità, molti erano scettici e critici, ma attraverso il lavoro abbiamo raggiunto un risultato incredibile. Nel calcio può succedere di tutto, ci saranno sempre giocatori che vanno via ed altri che restano, ma questo successo accomunerà per sempre me e questi ragazzi nel ricordo di questa bellissima stagione in cui abbiamo lottato e siamo riusciti a vincere. Il risultato più bello ed importante che mi rimane sono i loro volti, i sorrisi, che esprimono con quale gioia praticano il loro sport preferito".Ora ci sono ancora due partite, le affronterete con uno spirito diverso?"Aver raggiunto il traguardo in anticipo ci permette di goderci ancora di più il risultato ottenuto e di prolungare i festeggiamenti. Giocheremo con massima serenità, senza l’assillo del risultato, pur impegnandoci al massimo per fare bene e vincere anche le due partite rimanenti. Inoltre la stagione proseguirà con importanti tornei e partite di alto livello già in prospettiva della prossima stagione che ci permetterà di confrontarci con quanto ci attende".Torniamo all'analisi della stagione. Dietro al successo ci sono stati anche momenti difficili?"Abbiamo avuto alcuni infortuni, anche pesanti, che purtroppo ci hanno privato, per un certo periodo di giocatori importanti, ma chi ha giocato si è sempre fatto trovare pronto senza far rimpiangere gli assenti. Alcune volte ci sono state deterrenti e interferenze esterne. Noi genitori per il tantissimo affetto che abbiamo verso i nostri figli siamo sempre molto attenti e sempre più presenti nella loro attività calcistica, cerchiamo di incoraggiarli in tutti i modi e mezzi a disposizione, a volte capita però di dimenticare che il calcio è soltanto un gioco e non riusciamo a contenerci e diventiamo poco obiettivi ed invidiosi di alcune situazioni. Tali comportamenti pesano sul gioco dei ragazzi, “gioco” che dovrebbe essere totalmente loro e li condizioniamo eccessivamente e negativamente, fino a peggiorarne le prestazioni e gli atteggiamenti in campo e negli allenamenti creando tensioni e malumori nella squadra. Bisognerebbe provare a cambiare atteggiamento, cercando di favorire l’ambiente dove i ragazzi svolgono attività sportiva, non invadendo il loro mondo, lasciarli giocare tranquilli e probabilmente apprezzeremo anche maggiormente le partite".Le vittorie aiutano il morale e portano altre vittorie?"Non è facile continuare a vincere e rimanere così a lungo in testa alla classifica, tenere sempre alta la concentrazione e la tensione, senza mollare. Tutte le partite diventano difficili, tutti gli avversari ti affrontano con una determinazione diversa perché motivati maggiormente dall'affrontare la capolista, sicuramente c’è la gratificazione del risultato, che da uno stimolo in più, giornata dopo giornata ed aiuta ad allenarsi in un clima sereno e propositivo".Vuoi fare una dedica personale della vittoria?"Ci sarebbero tante persone care a cui andrebbe rivolto questo risultato, quindi preferisco per equità non citarne alcuna.Voglio quindi dedicarla ad un giovane bambino, grande calciatore del CSF Carmagnola Queencar che purtroppo quest’anno non ha potuto scendere in campo, ha combattuto e sta ancora combattendo partite difficili contro una terribile malattia.Noi siamo persone fortunate perché siamo liberi di praticare lo sport che amiamo e a volte dimentichiamo, sottovalutiamo e diamo per scontato le cose importanti della vita che purtroppo per altri non sono, come la salute.Il mio augurio è quello che Daniel guarisca in fretta, ritorni in forza e di spero rivederlo al più presto dentro i campi da calcio, quella sarà la vittoria più grande di qualsiasi campionato"....

Partite

08/04/2024

Eccellenza: Il ko sfortunato interno di ieri per 4-2 contro Fossano in casa sentenzia i possibili playout

Alfiero con la sua tripletta permette la vittoria al Fossano, di fianco a destra Negro uno dei marcatori del CSF ,sotto mister Cellerino (foto Ciulla)La sconfitta per 4-2 contro il Fossano per il CSF Carmagnola sentenzia verosimilmente la possibilità di disputare a fine campionato la partita decisiva dei playout per rimanere in Eccellenza.Ad esprimere questo concetto, all'indomani della partita giocata in casa, è mister Ettore Cellerino."I ragazzi hanno fatto una buona prestazione, atleticamente e tecnicamente li ho visto bene, perchè stiamo bene. Abbiamo patito un po' i primi 20 minuti per questioni tattiche, facendo qualche lettura sbagliata soprattutto in mezzo al campo. Pur facendo bene però la fortuna non ci accompagna e si poteva anche trovare il gol del 3-3, dopo lo svantaggio per 3-2, con un'occasione prima con Scavone, poi con Barbaro. Se poi calcolo i gol subiti, tre sono su palla inattiva, due su rigore e uno di De Souza, abile a smarcarsi e di testa a far un grande gol. La differenza oggi l'hanno fatto sicuramente i due giocatori fossanesi là davanti: Alfiero e De Souza, un lusso per questa categoria avere i due giocatori".Sul discorso generale della squadra da quando l'allenatore è al timone: "Chi lotta per salvarsi, anche se non sarà facile, non deve farsi condizionare dalle sconfitte che purtroppo sono state soventi, ma nemmeno molte, se consideriamo che finora nel ritorno ne abbiamo subite tre, quello che ha pesato troppo sono invece stati i pareggi. Alla nostra classifica "veritiera" mancherebbero almeno 5-6 punti, perchè contro Villafranca, Pro Villafranca e Cavour meritavamo sicuramente di vincere. Con 6 punti in più sarebbe stato un altro campionato, anche se la squadra è in forma, le prestazioni sono state positive, abbiamo forse solo sbagliato il primo tempo contro il Vanchiglia e il secondo contro il Cuneo, quindi abbiamo sbagliato due mezzi tempi. La squadra deve stare in salute, essere cosciente dei propri lavori e anche oggi comunque l'ha dimostrato e poi alla fine vedremo se affronteremo i playout o meno, ora è più fattibile questo tipo di discorso anche perchè bisogna rimanere a otto punti dalla prima squadra salva, altrimenti salterebbero anche quelli. Non faccio calcoli perchè non sono il tipo e non li ho mai azzeccati. Quindi dobbiamo continuare a lavorare mentalmente, fisicamente, tatticamente e poi vedremo se affronteremo quell'unica partita che varrà tutto l'anno. A noi tocca salvare la categoria e se poi il 19 maggio dovessimo giocare la partita playout lo faremo con positività e impareremo ad essere più incisivi sotto porta per dire la nostra"....

Partite

26/03/2024

Incredibile Under 15 Provinciale: ancora vittoria (l'undicesima di fila) e primato, ottimo 1-0 interno dell'Under 16 Provinciale invece terzo

Under 15 con gli allenatori Bono e Villa e in compagnia del vice presidente Petronio e del segretario AnzelmoUNDER 16 PROVINCIALE: TERZA POSIZIONE IN CLASSIFICA, VICINA LA VETTA A SOLI 8 PUNTII ragazzi di mister Scarsi, all'ottava di ritorno (e a cinque turni dal termine) sono attualmente terzi in classifica a quota 48 punti (in compartecipazione con il Santena), a 10 lunghezze dalla capolista Psg. A decidere la sfida Federico Molino, con la rete segnata al 57'. UNDER 15 PROVINCIALE DI MISTER BONO E VILLA "DA AUTENTICO RECORD": FILOTTO DI 11 VITTORIE CONSECUTIVE E PRIMATOContinuano a vincere i 2009 Gli Under 15 guidati da Dario Bono e Renato Villa, anch'essi all'ottava di ritorno, ma a soli tre turni dalla fine, hanno conseguito l’undicesima vittoria consecutiva in campionato, con un’ottima prestazione vincono la gara di recupero per 5-0 contro i pari età del Trofarello grazie alle reti di Ajdinaj (4 gol) e Sardo. Successo poi domenica scorsa per 2-0 contro il Pecetto, grazie alle reti di Mirkov e Nappi.Con queste vittorie gli Under 15 hanno vinto contro tutte le squadre avversarie del proprio campionato e conseguono un girone intero di sole vittorie, l’ultima gara non vinta risulta infatti il pareggio alla settima giornata nel girone di andata. La squadra ora vanta 6 punti di vantaggio sulla diretta concorrente, il Vinovo seconda in classifica....

Partite

21/03/2024

Ultime chance salvezza o playout in Eccellenza: il CSF è chiamato a vincere il più possibile

Capitan Carluccio e Negro, sotto, di spalle, mister CellerinoUltime possibilità per il CSF Carmagnola Queencar di garantirsi la salvezza o, eventualmente, di giocarsi i playout Eccellenza. Dopo la sconfitta esterna dello scorso 17 marzo per 2-0 contro i torinesi del Vanchiglia, con due gol subiti purtroppo da palle inattive, ecco il responso del mister Ettore Cellerino, a sei partite dal termine, anche approfittando delle due settimane di riposo per la pausa pasquale. Si ritorna domenica 7 aprile in casa contro il Fossano.«Dobbiamo lavorare sotto l’aspetto fisico e su alcuni principi tattici e in fase realizzativa soprattutto e per lo meno rimanere ancorati se non altro alle posizioni di playout e giocarcela fino alla fine totalizzando più punti possibili».Il destino della squadra in una manciata di partite e l'in bocca al lupo più assoluto. Forza CSF!...

Stage City Camp 2024

Appuntamento dal 17/06 al 12/07

A.S.D. C.S.F. Carmagnola Queencar enroll image